Orientarsi con i 5 sensi

 

 

Per poter osservare attentamente tutto ciò che ci circonda dobbiamo utilizzare i sensi: vista, udito, tatto, olfatto e gusto permettono di svolgere inconsciamente tutte le comuni attività che siamo abituati a svolgere.

 

Il Cea Villa Daino, struttura altamente qualificata,  si presta in modo eccellente a far vivere  ai gruppi, momenti incentrati sull’utilizzo dei 5 sensi, volti a una presa di coscienza e ad una maggiore consapevolezza.

Udito: Funzione sensoriale che permette di percepire i suoni.

 

All’interno del CEA è presente una stazione uditiva, costituita da una fontana a parete con l’acqua in caduta libera da una certa altezza. Questa stazione, con il suo semplice meccanismo, permette di far percepire i suoni prodotti dal fluido stesso in caduta libera e le variazioni che si producono mutando la portata. In tal modo, l’interlocutore,  ha la possibilità di avere un’esperienza diretta dell’uso dell’udito.

L’Olfatto e il Gusto : funzioni sensoriali specifiche preposte alla percezione degli odori e dei sapori

L’olfatto e il gusto vengono considerati sensi chimici, chiaramente  non separabili e connessi tra di loro in maniera funzionale.

Lungo il sentiero botanico, in cui  è possibile osservare tutte le specie presenti nel nostro territorio, è stata allestita una stazione olfattiva, costituita da piante odoranti quali ad esempio lavanda, tiglio, salvia ecc.  Tale stazione è stata preposta con lo scopo di mettere in risalto i sensi dell’olfatto e del gusto.

 Attraverso l’odore l’interlocutore, preventivamente bendato, è stimolato all’utilizzo di questi due sensi per individuare, la pianta in esame. Potrebbe sembrare una banalità, ma è bene sottolineare sulla base dell’esperienza maturata con i gruppi, che nella maggior parte dei casi non si è stati in grado di individuare le specie in esame.

Tatto: funzione sensoriale che permette di percepire i caratteri fisici degli oggetti.

Tutto il percorso didattico presente, è stato realizzato con un sentiero centrale costituito da ciottoli rialzati rispetto alla superficie della pavimentazione. Tale sentiero permette di potersi muovere liberamente, avendo sempre una percezione spaziale del percorso e in modo da concedere anche l’accoglienza di persone diversamente abili.

Allo stesso tempo, queste caratteristiche strutturali consentono, durante le attività svolte, di evidenziare e di sensibilizzare l’attenzione sul tatto, senso che permette di  rilevare gli stimoli dovuti al contatto della pelle con gli oggetti esterni. 

Vista:  Funzione sensoriale che permette di percepire gli stimoli visivi.

La visita guidata, all’interno della villa, termina nel punto altimetrico più alto, zona in cui è stato individuato un punto panoramico. In tale luogo, il gruppo viene invitato ad osservare il panorama entrando così in una visione spaziale che permette, a grandi vedute, di prendere coscienza di questo organo molto importante, di avere idea della morfologia del territorio, della distribuzione ed estensione dei centri abitati circondanti il CEA.